In principio era il «Logos» e il «Logos» si fece carne. Hegel commenta il «Prologo» giovanneo di Pirolozzi Antonio - Bookdealer | I tuoi librai a domicilio

In principio era il «Logos» e il «Logos» si fece carne. Hegel commenta il «Prologo» giovanneo

  • Autore: Pirolozzi Antonio
  • Editore: ETS
  • Isbn: 9788846760623
  • Categoria: Filosofia occidentale moderna
  • Numero pagine: 258
  • Data di Uscita: 20/05/2021
  • Collana: Philosophica
15,00 €
Si fa attendere

Tab Article

Il Prologo del Quarto Vangelo, che la tradizione della Chiesa attribuisce all'apostolo Giovanni, è da sempre un luogo privilegiato per l'interpretazione esegetica, teologica e filosofica. Nelle intenzioni dell'evangelista il Prologo è un inno a Gesù Cristo. Quando Giovanni parla del Logos non intende fare una speculazione né sull'origine del mondo né su Dio. Egli vuole risalire alle origini di ciò che è stato visto: la storia di Gesù. Riflettendo sulla persona e la storia di Gesù, l'evangelista ha compreso che egli è da sempre, dal principio, presso Dio. Anzi Gesù non è solo in principio presso Dio, ma è il Logos che è Dio. Hegel conosce molto bene la profondità spirituale del testo giovanneo, ma va oltre. Come per i suoi contemporanei (Fichte, Schleiermacher e Schelling), anche per il filosofo di Stoccarda il Prologo diventa la fonte per "riscoprire" la verità, la rivelazione e la manifestazione speculativa della vita e della natura divina, un movimento logico-eterno che il velo della rappresentazione religiosa tiene nascosto. Questo lavoro viene così a completare il discorso iniziato con la Logica della Rivelazione. Trinità, Incarnazione e Comunità nel pensiero di Hegel (2020).

I librai consigliano anche

I nostri partner