Ai sopravvissuti spareremo ancora di Lagomarsini Claudio - Bookdealer | I tuoi librai a domicilio
C'è sempre una libreria vicino a te! Trovala adesso

Ai sopravvissuti spareremo ancora

  • Autore: Lagomarsini Claudio
  • Editore: Fazi
  • Isbn: 9788893256407
  • Categoria: Letteratura italiana: testi
  • Numero pagine: 206
  • Data di Uscita: 23/01/2020
  • Collana: Le strade
16,00 €
3
Facile da trovare

Tab Article

Una "tragedia della porta accanto" dai toni alti e trasfigurati. Il ritratto lucido e impietoso di un mondo al tramonto visto con gli occhi di un ragazzo, impotente di fronte alla realtà in cui si trova a vivere. Un giovane è costretto a tornare nel paese d'origine per vendere la casa di famiglia: è un ritorno doloroso così come lo è il ritrovamento di cinque quaderni scritti molti anni prima dal fratello maggiore Marcello. Leggendoli per la prima volta, il ragazzo, ormai uomo, ripensa all'estate del 2002 quando i due fratelli vivevano ancora insieme, con la madre e il compagno della donna, soprannominato Wayne. La loro casa era stretta tra quella della nonna materna e quella di un uomo, soprannominato il Tordo. Nei quaderni, Marcello racconta molte cose di quell'estate: le cene all'aperto, le discussioni furibonde tra il Tordo e Wayne, la relazione amorosa tra la nonna e il Tordo, il rapporto conflittuale tra la madre e la nonna. Fra i vari episodi riportati nel diario, uno in particolare sarà quello che scatenerà la serie di eventi che porteranno all'inaspettato e drammatico epilogo. Con uno stile calibrato e una lingua che mescola tratti eleganti a termini più colloquiali, Claudio Lagomarsini riesce a svelare il crepuscolo di un mondo patriarcale, sessista e arretrato, fotografando dall'interno una società destinata a sparire, eppure ancora così rappresentativa del nostro Paese. Tra cene in cortile, litigi per un orto e comportamenti retrogradi, "Ai sopravvissuti spareremo ancora" racconta la quotidianità di un ambiente provinciale piccolo e meschino e l'angoscia di chi con questa quotidianità non riesce più ad avere a che fare. L'attaccamento ai confini della proprietà privata e l'atmosfera oppressiva del nucleo abitato al centro della storia sono il cuore di questo romanzo d'esordio che affronta il dramma di un ragazzo che, pur dotato di un'acuta sensibilità, nulla potrà contro la grettezza e la distanza della famiglia che gli è toccata in sorte.

1 Recensione

Narrativa domestica: questo è il genere in cui è categorizzato in Google Books il romanzo di esordio di Claudio Lagomarsini; non so se precisamente rientra in questa originale categoria, ma di certo il centro della narrazione è una casa, e una famiglia, e un tempo cadenzato fatto di pranzi e cene forzatamente condivise, di orticelli contesi, di cortili in cui si verificano tragedie che nascono dalla frizione di vite normali, le quali possono scontrarsi tutti i giorni senza provocare altro che una fisiologica consunzione, oppure, per un futile motivo, deflagrare, cambiando per sempre. In questo movimento immobile diventa importante, per la narrazione, la parola di chi guarda e racconta; parola scritta, che ha il potere di fare da filtro alla realtà. Molti, che hanno letto questo libro, insistono sull'analisi sociologica della provincia chiusa e gretta, che pure c'è, ma a me ha colpito di più il valore dato allo scrivere le esperienze, che diventa memoria per sé e per gli altri ed interpretazione dei fatti. "Di questo, però, non ho alcuna memoria. Ho ben impressa in mente, invece, l'immagine di lui che scrive in piedi di fianco alla finestra o appoggiandosi al mobile della TV. Guardava e scriveva. Ascoltava e scriveva."

I librai consigliano anche