Kim-Ji Young, nata nel 1982 di Cho Nam-Joo - Bookdealer | I tuoi librai a domicilio
1.299.845,63€  incassati dalle librerie indipendenti
1.299.845,63€  incassati dalle librerie indipendenti
Cerca un libro o una libreria

Kim-Ji Young, nata nel 1982

  • Autore: Cho Nam-Joo
  • Editore: La Tartaruga
  • Isbn: 9788894814347
  • Categoria: Letterature straniere: testi
  • Traduttore: Bernardini F.
  • Numero pagine: 176
  • Data di Uscita: 29/07/2021
  • Collana: Narrativa
18,00 €
Si fa attendere

Tab Article

Kim Ji-young, che è stata una normalissima bambina e adolescente, ora ha trent'anni, da un paio di anni è sposata e ha lasciato malvolentieri il lavoro per prendersi cura della sua bambina a tempo pieno. Un giorno, però, Ji-Young inizia a fingere di essere un'altra persona. Prima impersona sua madre, poi una vecchia compagna di scuola: non è uno scherzo, si immedesima completamente in loro, imitandone la voce e il pensiero in modo così perfetto che sembra quasi posseduta da un demone. All'inizio il marito liquida in fretta questi incidenti, ma la situazione peggiora e presto diventa chiaro che Ji-Young soffre di una sorta di disturbo mentale. Così le organizza sedute di terapia con uno psichiatra, che inizia a registrare la sua storia, che è poi la storia di tutte le donne: una storia di pregiudizi, di limitazioni, di accuse e di colpe attribuite gratuitamente; una storia di soprusi e di silenzi, di trattamenti differenziati - a scuola, a casa, nel lavoro; una storia in cui una donna è costretta a scegliere tra la carriera e la famiglia, in cui è sottoposta a severo giudizio qualunque cosa faccia e in cui la sua sofferenza - fisica e mentale - non conta mai davvero quanto quella degli altri, neppure per chi le vuole bene. Un romanzo crudo, ambizioso, che offre uno sguardo onesto e senza veli sulla condizione delle donne nella società coreana, e non solo, e che racconta la misoginia attraverso la metafora spiazzante e radicale di una donna che, pur di essere finalmente libera, è costretta a perdere se stessa e la propria voce.

I librai consigliano anche