Il mito della prima Italia. L'uso politico degli Etruschi tra fascismo e dopoguerra di Avalli Andrea - Bookdealer | I tuoi librai a domicilio
Menu principale

Con ogni acquisto su Bookdealer sostieni una libreria indipendente del territorio.

Il mito della prima Italia. L'uso politico degli Etruschi tra fascismo e dopoguerra
Avalli Andrea

Il mito della prima Italia. L'uso politico degli Etruschi tra fascismo e dopoguerra

Editore: Viella

Reparto: Scienze sociali

ISBN: 9791254693988

Data di pubblicazione: 19/04/2024

Numero pagine: 336

Collana: I libri di Viella


29,00€
Si fa attendere

Sinossi

Nell'immaginario storico elaborato sotto il fascismo, uno spazio originale è stato ricoperto dagli Etruschi. Nonostante le incertezze sull'interpretazione della loro lingua e sulle loro origini, e la prevalenza in Europa della tesi della provenienza orientale, nell'Italia fascista artisti, scrittori e studiosi hanno sviluppato un consenso nazionalista sull'assimilazione degli Etruschi all'interno dell'identità italica, posta alle radici nazionali e razziali del popolo italiano. Con la persecuzione antiebraica, è stata in particolare l'ipotesi dell'origine orientale a essere avversata, per evitare di ammettere l'esistenza di corpi estranei nella composizione etnica italiana. Il libro ricostruisce questa storia e i suoi esiti culturali nell'Italia repubblicana e della Guerra fredda.

Prodotti Correlati


Balbir
18,00 €
Si fa attendere
Mostra altri

Recensioni dei lettori


5% di sconto sul tuo primo ordine

Registrati gratuitamente e ottieni subito un codice sconto per il tuo primo acquisto.